5. Ricerca

 

  • Valorizzazione e potenziamento delle strutture di ricerca e perseguimento delle certificazioni dei laboratori mediante approccio sistematico a livello di Ateneo (es. accordo con ACCREDIA);

  • Istituzione della Ripartizione Ricerca e riorganizzazione delle strutture amministrative di supporto alla ricerca, alla tutela e alla valorizzazione della proprietà intellettuale;

  • Valorizzazione della ricerca dottorale e post-dottorale con percorsi manageriali nel settore del trasferimento tecnologico e del fundraising;

  • Incentivazione dei progetti di integrazione tra ricerca di base e ricerca applicata;

  • Sviluppo di sinergie tra ricerca accademica e la ricerca industriale e collaborazioni con le realtà produttive;

  • Finanziamento di progetti di ricerca di base;

  • “Virtual lab on demand”: un modo nuovo di valorizzare i laboratori e il personale;

  • Struttura per la programmazione e l'organizzazione a rete dell’attività di fundraising e lobbying a livello europeo (vedi risorse economiche e finanziarie);

  • Incentivazione delle collaborazioni e degli accordi internazionali per attività di ricerca di docenti, ricercatori e dottorandi; (vedi anche internazionalizzazione)

  • Potenziamento delle biblioteche, in particolare umanistiche, come strumento fondamentale per la ricerca;*

*La realizzazione del centro presso le ex officine Gelsomini in Piazza Morlacchi, non ha purtroppo risolto l’annoso problema della biblioteca unificata a servizio dell’area umanistica.
Si pone la necessità di razionalizzare e valutare la possibilità di riconvertire altri edifici per un secondo polo bibliotecario, capace di accogliere anche sezioni che al momento risultano disperse quali antropologia, geografia, etc.